L’iniezione transforaminale di steroidi è una valida alternativa alla chirurgia del dolore alla radice lombare

Il 54% dei pazienti ottiene sollievo dal dolore dopo 1 mese di trattamento

Un recente studio condotto da ricercatori australiani ha scoperto che l’iniezione di steroidi transforaminali è una valida alternativa alla chirurgia per il dolore radicolare lombare dovuto all’ernia del disco. I dettagli completi dello studio sono pubblicati nel numero di agosto di Pain Medicine , una rivista pubblicata da Wiley-Blackwell per conto dell’American Academy of Pain Medicine, School of Pain Medicine of Australia e New Zealand College. anestesisti e International Spine Society.

Il dolore alla radice lombare (sciatica) è spesso causato da un’ernia del disco lombare e dall’infiammazione delle radici nervose colpite. Le iniezioni di steroidi sono utilizzate in vari modi come alternativa alla chirurgia per ridurre l’infiammazione e alleviare il dolore. L’iniezione di uno steroide epidurale, per via interliminare o caudale, è il trattamento steroideo più utilizzato per alleviare il dolore. Tuttavia, gli studi dimostrano che le iniezioni interlaminare non sono più efficaci delle iniezioni saline convenzionali nel legamento interspinale, mentre le iniezioni di steroidi epidurali caudali non sono riuscite a superare i soli anestetici locali.

L’iniezione transforaminale – l’iniezione di steroidi direttamente e precisamente nel nervo spinale interessato sotto guida radiologica – ha dimostrato di essere più efficace dell’iniezione di steroidi interstrato nell’alleviare il dolore e nel migliorare la disabilità. Tuttavia, studi controllati su questo metodo di somministrazione hanno mostrato risultati contrastanti.

Il presente studio ha esaminato se la via di iniezione transforaminale o l’agente somministrato è un elemento critico nel determinare il successo del sollievo dal dolore. I partecipanti allo studio sono stati randomizzati a uno dei cinque gruppi: iniezione di steroidi transforaminali (TFST) per testarne l’efficacia; iniezione transforaminale di soluzione salina (TFNS) per testare l’effetto dell’irrigazione; iniezione transforaminale di anestetico locale (TFLA) per testare l’effetto dell’anestetico locale; iniezione intramuscolare di steroidi (IMST) per testare l’effetto sistemico; o iniezione intramuscolare di soluzione salina (IMNS) per testare gli effetti non specifici (placebo).

Lo studio ha incluso 150 pazienti. I criteri di inclusione erano gli adulti che erano in grado di acconsentire e sono stati in grado di abbinare gli strumenti di outcome utilizzati, con dolore che si irradia all’estremità inferiore, con tremore, bruciore, lancinante o qualità elettrica, limitando l’elevazione della gamba tesa a meno di 30 gradi e dimostrando l’ernia del disco mediante TC o MRI a livello segmentale in base alle caratteristiche cliniche. Il dolore di qualità adeguata era l’indicazione principale per il trattamento. I segni neurologici di radicolopatia non erano richiesti, ma servivano a consolidare la diagnosi quando presenti. Tutti i pazienti sono stati classificati come idonei all’intervento, il che significa che l’intervento sarà il prossimo intervento se le iniezioni non alleviano il dolore.

I criteri di esclusione erano stenosi foraminale, grave compromissione del movimento, una storia di abuso di sostanze, precedente intervento chirurgico a livello segmentale interessato o condizioni che rendevano l’iniezione pericolosa, come gravidanza, infezione recente o deformità spinale. I pazienti non sono stati esclusi in base alla durata del dolore.

Dopo la randomizzazione, non sono state riscontrate differenze statisticamente significative nelle caratteristiche demografiche come età, equilibrio di genere, tassi di trattamento per segmento o proporzione di casi acuti o cronici nei cinque gruppi di trattamento.

Il volume e la dose standard sono stati utilizzati per ciascun paziente per ogni tipo di iniezione. I pazienti che hanno ricevuto TFST hanno ricevuto 0,75 ml di bupivacaina allo 0,5% seguiti da 1,75 ml di triamcinalone a 40 mg / ml. Il gruppo TFLA ha ricevuto 2 ml di bupivacaina allo 0,5%. Il gruppo TFNS ha ricevuto 2 ml di agente salino. I pazienti dell’IMST hanno ricevuto 1,75 ml di triamcinolone (40 mg / ml). I pazienti che hanno ricevuto IMNS hanno ricevuto un volume di 2 ml.

L’endpoint primario era la percentuale di pazienti che avevano ottenuto un sollievo completo dal dolore o almeno il 50% di sollievo un mese dopo il trattamento. Le misure di esito secondario erano la funzione, la disabilità, l’esito funzionale definito dal paziente e l’uso di altre cure e la durata dell’assistenza dopo un mese.

Una percentuale significativamente più alta di pazienti trattati con un’iniezione di steroidi transforaminali (54%) ha ottenuto sollievo dal dolore rispetto ai pazienti che hanno ricevuto un’iniezione transforaminale di anestetico locale (7%) o iniezione transforaminale di soluzione salina (19%), steroidi intramuscolari (21%) o soluzione salina intramuscolare (13%). Il sollievo dal dolore è stato confermato con miglioramenti clinicamente significativi della funzione e della disabilità, nonché riduzioni nell’uso di altre cure sanitarie. I risultati erano equivalenti per i pazienti con dolore radicolare acuto o cronico. Il 25% è rimasto alleviato dopo 12 mesi.

Il direttore dello studio, il dott. Bogduk, conclude: “In effetti, l’iniezione transforaminale di steroidi è una valida alternativa alla chirurgia per il dolore radicolare lombare dovuto all’ernia del disco. Il suo rilascio immediato è modesto, ma significativo e non solo un effetto placebo. Per un’efficacia a lungo termine, prove oltre ogni ragionevole dubbio richiederanno studi eccessivamente ampi. »

Lo scrittore editoriale Dr. Ray Baker è d’accordo. “I risultati dello studio sono particolarmente impressionanti dato il rigoroso disegno dello studio”. Il dottor Baker elogia anche il metodo di analisi del team, la quantità necessaria per il trattamento (NNT), una misura dell’effetto terapeutico, affermando: “Dall’analisi di Bogduk, è facile capire che un paziente su tre sarà significativamente migliore di un’iniezione di steroidi intramuscolare. può suggerire un’iniezione transforaminale di soluzione fisiologica normale. Inoltre, si può osservare che un paziente su quattro beneficerà in modo significativo dall’iniezione di steroidi transforaminali dopo 12 mesi, evitando il costo della chirurgia. Dopotutto, questo studio di riferimento ha una comprovata iniezione di steroidi transforaminali per il dolore radicolare lombare rispetto al placebo. Ora sono necessarie ulteriori ricerche. »

Leave Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *